Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione

La simbolica cornice in copertina, formata da due motivi ornamentali, la "greca" per l'Occidente e il "fiore di loto" per l'Oriente, vuole richiamare alla mente del lettore i due filoni dell'unica Tradizione universale che l'Editrice presenta nelle sue pubblicazioni. Il "Pozzo", da cui questi due rami si dipartono, può rappresentare per il "ricercatore assetato" la fonte ove attingere l' "acqua pura" della Conoscenza.

L'Autore [Raphael] non ha mai scritto o parlato per i molti o per gli eruditi, i dotti o i professionisti accademici (questi non hanno bisogno di suggestioni, indicazioni o delucidazioni), ma per quei pochi che, acceso il fuoco dentro di sé, sanno poi alimentarlo fino a farlo diventare una grande fiamma di amore verso la Conoscenza-realizzazione. (tratto da "Introduzione - Orfismo e Tradizione iniziatica" )

L’UOMO ALLA RICERCA DELL’IMMORTALITÀ

Autore: Svami Nikhilananda

INDICE: L’Immortalità - La morte è la fine? - I tre stati dell'Anima - Tu sei Quello - Che cos’è l’uomo - Appendice.

(ISBN 88-85405-25-8 Pagine 136 € 11,00)

 Fin da quando l’uomo ha cominciato a pensare e la coscienza è diventata autocoscienza, egli si è chiesto quale fosse la sua vera natura, la sua origine e il suo destino ultimo.

A queste domande i filosofi, i teologi e i mistici hanno dato varie risposte; quella che propone l’induismo è l’immortalità dell’anima - la sua natura eterna, senza nascita né morte. La dottrina della trasmigrazione, che ne è l’inevitabile corollario, può fornire agli indù la spiegazione della disuguaglianza tra gli uomini, mostra loro la via verso il futuro miglioramento della loro sorte e li assicura della loro liberazione finale dal dolore e dalla sofferenza della vita.

Secondo gli indù l’immortalità dell’anima non è un dogma ma una verità metafisica basata sull’esperienza diretta; essa toglie alla morte quel suo potere di incutere una paura paralizzante e rappresenta un bene inestimabile senza il quale la vita perde ogni suo significato e non rimane nulla per cui valga la pena di lottare e di vivere.

Gli argomenti trattati nel libro si basano sulle principali Upanisad: la Katha per quanto riguarda la natura dell'àtman, la Màndukya per i tre stati dell’Essere, la Chàndogya per la grande sentenza (mahàvàkya) “Tat tvam asi” (Tu sei Quello) e infine la Taittiriya per quanto riguarda le cinque guaine-kosa che velano il jìvàtman.

Pagine dedicate alle Edizioni Asram Vidya a cura di grati e affezionati lettori

Per ogni richiesta la nuova ragione sociale delle Edizioni Asram Vidya è:
"Associazione Ecoculturale Parmenides" - Via Azone 20 Roma 00165 - Tel/fax 06 6628868

Sei qui: Home Tradizione Orientale Vedanta Advaita L'uomo alla ricerca dell'immortalità