Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione

La simbolica cornice in copertina, formata da due motivi ornamentali, la "greca" per l'Occidente e il "fiore di loto" per l'Oriente, vuole richiamare alla mente del lettore i due filoni dell'unica Tradizione universale che l'Editrice presenta nelle sue pubblicazioni. Il "Pozzo", da cui questi due rami si dipartono, può rappresentare per il "ricercatore assetato" la fonte ove attingere l' "acqua pura" della Conoscenza.

L'Autore [Raphael] non ha mai scritto o parlato per i molti o per gli eruditi, i dotti o i professionisti accademici (questi non hanno bisogno di suggestioni, indicazioni o delucidazioni), ma per quei pochi che, acceso il fuoco dentro di sé, sanno poi alimentarlo fino a farlo diventare una grande fiamma di amore verso la Conoscenza-realizzazione. (tratto da "Introduzione - Orfismo e Tradizione iniziatica" )

Raphael

UNITÀ DELLA TRADIZIONE

 

Parlare di Raphael è difficile perché, secondo certe sue espressioni, non ha storia, non ha passato, non ha memorie da riportare. Molti, spinti da una curiosità sociale e mondana, chiedono cose che riguardano il particolare e l’individuale, ma chi ha risolto la sfera dell’individualità e dell’ “ombra” non ha p un nome, una forma, una storia.

Raphael nei suoi libri mira a manifestare e mettere in evidenza l’unità della Tradizione, prevalentemente sotto l’aspetto metafisico: ciò non implica che si contrapponga alla visione dualistica, a quella ksatriya in quanto tale (si veda, anzi, come questa visione sia messa in rilievo nella sua traduzione e commento della Bhagavadgita), alle varie fedi religiose, ai vari “punti di vista” - anche quelli opinabili.

«Conoscere significa Essere. Quello che noi chiamiamo conoscenza non è altro che un mero discorrere mentale e un interpretare sensoriale mentre, in realtà, la Conoscenza è operativa e realizzativa, quindi trasformante. E' operazione del puro “comprendere” e non del semplice concettualizzare. Conoscere, conosciuto e conoscente debbono coincidere perfettamente».

Tale impostazione è il principio stesso della metafisica realizzativa che costituisce, soprattutto quella della “Non-dualità”, una delle più alte espressioni dell’investigazione umana.

Raphael in ogni suo scritto tende a stimolare la coscienza del lettore per coinvolgerlo in una “presa di possesso” della Conoscenza. Suo scopo principale è quello di fornire al lettore “attento” e “qualificato” la strada più consona al suo stato coscienziale e al suo tipo di mente per potersi accostare a quell'unica Conoscenza che solo una mente analitica, appunto perché limitata, può classificare come “orientale” o “occidentale”. Negli scritti di Raphael e nei suoi commenti ai testi si trovano ampi riferimenti ai vari Insegnamenti tradizionali e analogie utili a quanti desiderano entrare nel merito dello studio comparato delle Dottrine e nello spirito dell’unità dell’Insegnamento.

Nelle opere di Raphael s’incontra spesso la parola “comprensione”. Per comprensione Egli intende saper fondere in sé soggetto e oggetto, «prendere con sé un dato». Ci possiamo accostare a un oggetto (interno o esterno) per acquisire una semplice nozione o per giungere a un’identità conoscitiva. Nel primo caso c’è erudizione (dualità), nel secondo conoscenza- realizzazione (identità), cioè «si vive il contenuto concettuale, si penetra l’essenza di una cosa». Questo modo di comprendere va inteso come mezzo per scoprire la Verità ed essere contemporaneamente la Verità.

In riferimento alla “Via del Fuoco”, di cui spesso Raphael parla nei libri (si veda in particolare: Tat Tvam asi, La Via del Fuoco secondo la Qabbalah, La Triplice Via del Fuoco), è bene sottolineare che non si tratta di un nuovo insegnamento, di qualcosa di personale o individuale né di un sincretismo dottrinario, ma della “Via universale” per la realizzazione della propria Essenza perché, in fondo, ogni Ramo tradizionale si dimostra come “sentiero di fuoco”. La “Via del Fuoco” è la “Via” che tutti i discepoli percorrono, a qualunque Ramo tradizionale essi appartengano.

Pagine dedicate alle Edizioni Asram Vidya a cura di grati e affezionati lettori

Per ogni richiesta la nuova ragione sociale delle Edizioni Asram Vidya è:
"Associazione Ecoculturale Parmenides" - Via Azone 20 Roma 00165 - Tel/fax 06 6628868

Sei qui: Home Raphael